Già oggi oltre il 70 per cento delle famiglie compra l’energia elettrica sul mercato libero. Che offre opportunità vantaggiose, ma spesso sconosciute ai consumatori. Un aiuto può arrivare dal Portale offerte, a patto di migliorarlo e potenziarlo..

L’intervento di Donato Berardi e di Roberto Bianchini su Lavoce.info.

Consumatori troppo “fedeli”

A luglio 2024 cesserà la “piena” tutela di prezzo per i consumatori domestici, che rimarrà solo per i soggetti vulnerabili. Il principale timore è che i venditori applichino condizioni economiche non aderenti a quelle dei mercati all’ingrosso dell’energia, realizzando extra profitti. Nel mercato al dettaglio dell’energia elettrica vi sono centinaia di operatori, il tema non è quindi la mancanza di offerte commerciali, quanto la resistenza dei consumatori al cambio di fornitore.

Oggi il 72 per cento dei clienti domestici si trova già sul libero mercato, ma i cambi di operatore riguardano un cliente su cinque ogni anno, in prevalenza fuoriuscite dalla tutela: i cambi di fornitore da libero a libero riguardano un cliente su dieci ogni anno.

La realtà è che i consumatori non solo non sono grado di cogliere le opportunità di risparmio, ma forse non sono neanche così interessati al risparmio tout court.

Continua a leggere